Umbria

In Umbria con i bambini: 5 luoghi da non perdere

25 Gennaio 2020
Umbria con i bambini

L’Umbria è il cuore verde d’Italia, un caleidoscopio di colori, sapori ed emozioni uniche. La amo da sempre, ci ho vissuto per anni e quest’anno, insieme a Luca e nostro figlio Gabriele ho avuto l’occasione di scoprirla sotto un nuovo punto di vista.

L’Umbria con i bambini è una scelta perfetta: c’è tanto verde, una natura rigogliosa, borghi incantati, parchi bellissimi, una temperatura perfetta e cibo ottimo.

Ecco cinque spunti provati per te per vivere la regione Umbria insieme ai bambini.

Umbria con i bambini: il Lago Trasimeno

Il Lago Trasimeno è una tappa imparabile per chi decide di visitare l’Umbria con i bambini.

Lungo la costa del Lago al confine tra Umbria e Toscana ci sono una serie di piccoli borghi assolutamente imperdibili, con lunghe passeggiate, prati e spiagge su cui rilassarsi e giocare, zone con giochi per bambini, ristoranti e locali all’aperto.

Dedicherò un intero articolo alla zona del Lago Trasimeno.

Per ora vi consiglio tre tappe:

  • Castiglione del Lago con tanto di visita al centro storico e alla Rocca da cui si gode di una meravigliosa vista sul lago e la natura circostante.
  • Tuoro sul Trasimeno, in particolare al suo Campo del Sole, a Punta Navaccia, un luogo che unisce architettura e natura e piacerà a grandi e piccini.
  • Magione, con la sua Oasi naturalistica La Valle, dove i bambini potranno venire a contatto con la flora e la fauna tipici della zona lacustre.

E il soggiorno con i bambini sul lago Trasimeno non si può dire concluso senza un giro in battello e una visita all’Isola Maggiore e all’Isola Polvese alla scoperta dei loro tanti tesori.

Umbria con i bambini: le fonti del Clitunno

Delle Fonti del Clitunno ne hanno scritto nel corso dei secoli Plinio il Giovane e Carducci e io non posso che parlarvene con amore.

Si tratta di un parco naturalistico sulla Via Flaminia che collega Spoleto con Foligno. Qui sorge uno specchio d’acqua con un perimetro poco più lungo di 400 metri e una superficie di quasi 10.000 metri quadrati dove vivono numerose specie vegetali ed animali.

Le Fonti del Clitunno sono un angolo di paradiso in terra, un piccolo concentrato di bellezza a due passi da Spello, altro borgo splendido in cui vi consiglio di fare una sosta, magari per il pranzo.

La visita è magica in ogni periodo dell’anno: in autunno, quando gli alberi si scaldano di mille sfumature di giallo, arancio e rosso e si cammina su tappeti di foglie croccanti, così come in primavera ed estate, quando tutto prende vita e i mille toni di verde si rincorrono tra piante, prati e acqua.

Tra salici piangenti, pioppi, papere, anatre e cigni i bambini impazziranno e anche voi.

Umbria con i bambini: Spoleto

La prima volta che ho visitato Spoleto l’ho fatto da giovanissima insieme alla mia famiglia; poi ci sono stata da studentessa fuori sede, da moglie, da futura mamma e infine insieme a Gabriele con tanto di passeggino al seguito.

Devo essere sincera? L’ultima visita è stata la più bella e anche la più riposante. Sì, proprio così. E questo grazie anche allo splendido sistema di parcheggi, scale mobili e ascensori (che conoscevo ma non avevo mai sfruttato) che permette di raggiungere praticamente ogni luogo di interesse della cittadina.

Così in mezza giornata siamo riusciti a visitare il Duomo, il centro storico e il Castello con tanto di passeggiata panoramica nel verde in cui Gabriele ha praticamente mosso i suoi primi passi!

Una soluzione perfetta per le famiglie con i bambini ma anche per chi ha poco tempo, problemi di mobilità oppure per gli anziani.

Umbria con i bambini: le cascate delle Marmore

Le Cascate delle Marmore sono uno dei miei luoghi del cuore. A pochissima distanza dal centro di Terni, facilmente raggiungibili da Viterbo, Roma, Rieti e Perugia, solo per dirne alcune, sono la meta perfetta per una gita in famiglia in Umbria con i bambini.

La creazione della Cascata risale al 271 a.C., quando i Romani diedero vita a questa strabiliante opera di ingegneria per regolamentare le acque del Velino che spesso provocavano inondazioni ai terreni della zona.

Per i bambini e non solo un vero spettacolo della natura, da osservare dal Balvedere basso o da quello alto, oppure da uno dei tanti sentieri che si addentrano nel Parco.

Parco che ospita una serie infinita di alberi secolari tra cui salici, lecci, faggi, querce ed aceri, tra i quali camminare e ristorarsi con gli occhi puntati sugli infiniti giochi d’acqua delle Cascate.

Consiglio un salto sul sito web ufficiale per scoprire anche tutte le iniziative, dalle visite guidate alle attività didattiche fino ai percorsi di rafting per vivere al meglio la magia di questo luogo unico.

Umbria con i bambini: Perugia

Perugia è il capoluogo della regione Umbria, è stata la mia casa per tre lunghi anni universitari ed è una cittadina piena di fermento e iniziative, per tutte le età.

I bambini saranno sicuramente attratti dal minimetrò, il mezzo perfetto per arrivare fino in centro città. Una volta qui da fare assolutamente un giro al mercato coperto, con affaccio sul belvedere, una passeggiata nella storica Rocca Paolina, qualche foto alla Fontana di Piazza IV Novembre e una bella cioccolata calda bevuta seduti sulle scalette del Palazzo dei Priori o della Cattedrale.

Se poi scegliete il periodo dell’Eurochocolate per scoprire Perugia con i bambini, il successo sarà doppiamente assicurato!

Umbria con i bambini: Castelluccio di Norcia

Lo so, avevo detto solo cinque spunti, ma quest’ultima tappa proprio non potevo evitare di metterla. Se amate l’Umbria quanto me sono sicura che capirete il motivo; se ancora non la conoscete vi invito a organizzarvi il prima possibile per recuperare questa mancanza e scoprire qualcuna delle sue meraviglie.

Partendo proprio da Castelluccio, magari. Che sta cercando di rinascere dal terribile terremoto che l’ha colpita ormai quasi quattro anni fa ma che non smette mai di stupire.

Consiglio a chiunque di fare un giro a Castelluccio di Norcia, non solo tra giugno e luglio, quando i suoi prati si ricoprono di mille colori per la famosa fioritura dei campi di lenticchie, ma in ogni stagione e periodo dell’anno.

I bambini impazziranno a correre tra i suoi prati, scoprire i cavalli, rincorrere le nuvole in cielo e voi potrete staccare dalla realtà e immergervi in un luogo senza tempo, pieno di storia e di orgoglio e tornare a casa con più consapevolezza e qualche ottima prelibatezza locale da portare in tavola.

You Might Also Like

3 Comments

  • Reply rubinetto da cucina in oro 2 Ottobre 2020 at 6:06

    Grazie per averci fornito una così grande informazione

  • Reply rubinetto d'oro 24 Ottobre 2020 at 5:53

    Il tuo blog è molto bello

    • Reply Admin 8 Novembre 2020 at 21:28

      Grazie di cuore!

    Leave a Reply

    Su questo sito utilizziamo i cookies tecnici di Analitycs. Cliccando sul pulsante Accetto permetterai il loro utilizzo. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi