Italia

5 mete per un weekend di primavera in Italia

9 marzo 2017

Stamattina ho aperto le finestre e il nostro salone è stato invaso da una luce meravigliosa, quasi un presagio della primavera che, ormai eccola, sta arrivando.

Primavera nella mia testa fa rima con weekend fuori, passeggiate, nuove scoperte. E allora ecco cinque consigli su altrettante città e borghi da visitare per trascorrere un weekend di primavera in Italia: tra ponti pasquali, 25 aprile e 1 maggio, avrete (e avremo) l’imbarazzo della scelta!

Montefiascone

7/52 (52 settimane per raccontare il mio 2017) Aria di casa (e nella foto, aria freddissima di un sabato di febbraio al lago di #Bolsena). Alcuni lo chiamano digital detox e lo condiscono con tutta una serie di pratiche che cavalcano l’onda del momento, un po’ come i prodotti vegan o i biologici: perché in fondo siamo fatti così e tutto finisce per diventare una moda e perdere gran parte del suo senso. Io lo chiamo riprendersi un po’ della propria vita, dedicarsi a chi ci sta davvero accanto, senza il tramite di un cellulare o di uno schermo, mangiare le cose sane della propria terra, prendersi cura di ciò che amiamo, cucinando una torta e dedicandogli del tempo. Ho staccato cellulare e internet per due giorni, ho respirato aria di lago, ho visitato un borgo disabitato che ha secoli di storia da raccontare; sono stata con la mia famiglia, ho festeggiato il compleanno del mio nipotino, ho ripercorso i luoghi che vedevo ogni anno con mio nonno – che sono 364 giorni che non c’è più e che mi manca più dell’aria. Ho abbracciato, parlato, sorriso, pianto, vissuto. Ieri sera per la prima volta dopo mesi sono andata a letto prima del nuovo giorno, alle 23. Ho dormito tantissime ore, sognato cose che non ricordo e incontrato mondi che non saprei descrivere. E quando mi sono svegliata la prima cosa che ho pensato è che voglio più giornate come quelle appena trascorse, piene di momenti semplici e preziosi, abbracci confortanti, confronti importanti, incontri speciali e aria buona, aria di #casa. <3 #riflessioni #Lake #bolsenalake #lagodibolsena #montefiascone #montefiasconelago #igersviterbo #igerslazio #visitlazio #lazio__super_pics #sunnyday #winterlake #liveautenthic #exploremore #bestoftheday #sundaymood

Un post condiviso da Erika – Viaggi del Taccuino (@erikamelie) in data:

Parto dalla mia terra, la mia adorata Tuscia, e in particolare da Montefiascone, che tutti conoscerete per il famoso vino “Est!Est!!Est!!! e per la leggenda ad esso legata. Ma Montefiascone è anche un borgo davvero delizioso nel quale perdersi tra vicoli in salita, belle chiese e una cucina tipica da leccarsi i baffi.

Dopo aver mangiato pasta con coregone, lattarino fritto e un bel bicchiere di vino ghiacciato potrete rilassarvi sul lungolago e scoprire tanti altri borghi e angoli di meraviglia dell’ultimo stralcio di Lazio, prima di raggiungere la Toscana.

Volterra

E proprio in Toscana arriviamo con questo secondo consiglio su dove trascorrere un weekend di primavera in Italia: la scelta non è stata facile perché come sapere conosco davvero bene la Toscana e ne amo ogni angolo.

Questa volta però ho deciso di lasciare da parte il mio incondizionato amore per la Val d’Orcia per indirizzarvi verso Volterra, un vero gioiellino che sorge nel cuore della regione Toscana e racchiude secoli di storia e di meraviglia.

Noi siamo stati fortunati perché all’interno del Palazzo Comunale, o dei Priori, che è possibile visitare al prezzo di 5 € (dati fine 2016), si stava svolgendo una giornata dedicata ai vini della zona e abbiamo fatto una degustazione davvero indimenticabile, scoprendo anche un altro aspetto del territorio.

Il Palazzo è solo una delle bellezze architettoniche che si affaccia su Piazza del Comune, una delle piazze più belle che io abbia mai visto nel nostro Paese, che sembra stringerti in un abbraccio affettuoso che ha davvero tanto da raccontare.

Ma Volterra vi regalerà emozioni in ogni momento dell’anno, con i suoi vicoli racchiusi tra mura medievali quasi perfettamente conservate, la bellissima Cattedrale che sorge in Piazza Duomo, il belvedere e l’antico Teatro Romano.

Manarola

Con la terza meta che vi consiglio per un weekend di primavera in Italia arriviamo ancora più a nord, fino in Liguria, in uno dei luoghi che è stato capace di rapirci l’anima e regalarci uno dei tramonti più belli della nostra vita.

Sto parlando di Manarola, uno dei paesini delle Cinque Terre, con le sue case colorate a picco sul mare cristallino.

Se state cercando un luogo dove rallentare, respirare e sentirsi in pace con il mondo, questo è il posto perfetto.

Certo, potranno esserci numerosi turisti durante i ponti e periodi di festa, ma ne varrà comunque la pena, perché la passeggiata con vista su Manarola è qualcosa di davvero eccezionale, da provare!

Matera

Andiamo verso sud, a Matera, quella che per me è stata un sogno ad occhi aperti. La sua pietra bianca scaldata dal sole trasuda storia e pezzi di vita dal sapore antico.

Non si possono dare consigli per visitare Matera, la si deve vivere: si arriva nella città dei Sassi e ci si lascia trasportare dalle suggestioni, dalle emozioni, dai richiami della pietra viva, dalle storie delle case-grotta, dal fascino delle chiese rupestri, dai panorami mozzafiato che solo questo luogo è capace di regalare.

Perugia

Chiudo con uno dei miei luoghi del cuore, una città che mi ha ospitato per tre anni e mi ha regalato anni meravigliosi e ricordi speciali che conservo gelosamente nel mio cuore.

Ricordo le passeggiate su e giù per gli stretti vicoli del centro, le ore trascorse davanti alla Chiesa di San Francesco e ai Giardini Carducci, lo stupore di fronte ai tesori della Cattedrale, del Palazzo dei Priori e dei musei della città.

E ricordo lo stupore di mio marito Luca quando per la prima volta ha visto Perugia e mi ha detto che non la immaginava così ricca e bella.

Per questo ho deciso di inserirla in questa lista di cinque consigli su dove trascorrere un weekend di primavera in Italia, perché forse molti di voi hanno in mente la città universitaria e non sanno che invece questa città come la sua regione, tanto martoriata in questo periodo, hanno davvero tanto da regalare.

La mia #Perugia. Ci sono giorni in cui mi manca proprio tanto. Mi manca passeggiare per i suoi vicoli con l’aria fredda che ti colpisce impietosa, mi manca il silenzio delle sue piazze alle 7 della mattina, mi mancano le chiacchierate con le amiche di corso sulle scalette della Cattedrale, la mia casetta, e soprattutto i miei libri. Mi manca studiare, eccola la verità. È da ieri che ci penso. Vorrei avere più tempo per farlo, per approfondire, per aggiornarmi sul mio lavoro. E se proprio devo essere sincera ne vorrei ancora di più per poter riprendere in mano libri di critica letteraria e letterature comparate, di latino e di storia e portare a casa questa seconda magistrale… Che male non fa. So che non è il periodo migliore, tra tanti lavori da consegnare, una casa da ristrutturare e un matrimonio da organizzare… Ma sognare non costa nulla; lo mettiamo tra gli obiettivi a medio lungo termine, facciamo così. 🙂

Un post condiviso da Erika – Viaggi del Taccuino (@erikamelie) in data:

Ci sarebbero altri mille luoghi della nostra bella Italia che vorrei consigliarvi e forse scriverò altri articoli per farlo.

Spesso ce ne dimentichiamo per guardare molto più lontano, ma viviamo in un Paese meravigliosamente ricco e vario: godiamocelo, anche e soprattutto nei weekend di primavera.

Buon viaggio!

You Might Also Like