Riflessioni

Di viaggi in camper, colleghe-amiche e incontri speciali

29 Maggio 2015

Sono state settimane impegnative quelle appena trascorse. Quelle settimane in cui i giorni si inseguono senza tregua, le notti insonni si accumulano come bollette sul tavolino all’ingresso di casa, la stanchezza non ha nemmeno il tempo di farsi sentire e basta un sorriso per ritrovare la carica.

Non ho avuto il tempo di scrivere per me, per il blog. Ma ho messo insieme tante soddisfazioni, qualche bella sorpresa, diversi insegnamenti e alcuni incontri preziosi. 

Un lungo, lunghissimo viaggio in camper, il primo della mia vita, ha infatti portato me e le mie colleghe di Autori Ebook fino a Torino, dove ci aspettava un piccolo spazio tutto per noi all’interno dell’Incubatore dedicato alle Start Up del Salone Internazionale del Libro di Torino.

Ecco la prima soddisfazione. Mesi, anni di lavoro che finalmente iniziano a dare i frutti sperati; sono passati in tantissimi a trovarci, ci hanno elogiato, criticato, hanno detto che l’ebook è il futuro e dobbiamo insistere, hanno affermato che quella dell’ebook è una bolla e che presto esploderà.

Tra i tanti incontri speciali fatti al Salone, tra giornalisti, aspiranti scrittori e i nostri autori, ho avuto anche la fortuna di incontrare due persone che da sempre mi fanno sognare con i loro blog e i loro magici racconti di viaggio. Eli di Too Happy To Be Homesick ed Elisa di Treasures by Elisa Chisana Hoshi si sono infatti fermate al nostro stand per raccontarci di loro, dei loro viaggi, dei loro progetti futuri.

(Ph: Too Happy to be homesick)

(Ph: Too Happy to be homesick)

Occhi a cuoricino e sorriso alle orecchie le ho ascoltate con enorme piacere e mi è sembrato di viaggiare con loro, attraverso l’Oman e l’Australia. Ed è stato bellissimo! Le ringrazio di cuore e le abbraccio. Sono anime speciali, di quelle che fanno bene al cuore.

E sono contenta perché le nostre strade si rincontreranno presto; con Eli c’è in programma una collaborazione con Autori Ebook, con Elisa ci vedremo tra poche settimane in Svezia per #sivastoccolma.

Perché sono gli incontri e il rafforzarsi di rapporti di lavoro che diventano amicizie e pezzi di vita a rendere tanto speciale un viaggio, anche se di lavoro.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Su questo sito utilizziamo i cookies tecnici di Analitycs. Cliccando sul pulsante Accetto permetterai il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi