Spagna

Next stop: Lanzarote, la più selvaggia delle isole Canarie

22 maggio 2017

Il 4 giugno prossimo sarà il nostro primo anniversario di matrimonio e fin da subito non abbiamo avuto dubbi: dovevamo festeggiarlo in viaggio.

Niente anelli, collane, obiettivi fotografici o borse, ma qualche giorno tutto per noi da qualche parte nel mondo.

Le destinazioni prese in considerazione sono state, come sempre, infinite. Purtroppo però alcuni imprevisti lavorativi ci hanno impedito di prenotare per tempo e quindi le mete più lontane ed ambite ci sono sfuggite di mano.

Non per questo ci siamo fatti scoraggiare. Una settimana fa abbiamo avuto la sicurezza di essere liberi per una settimana all’inizio di giugno e ci siamo subito messi alla ricerca di un’offerta che potesse allettarci.

All’inizio avevamo pensato ad un on the road come quello del nostro viaggio di nozze, magari in Scozia o in Danimarca, ma i prezzi erano davvero alti e il tempo per organizzarci troppo poco.

Così alla fine abbiamo scelto con il cuore e lo stomaco: abbiamo scelto la Spagna, una terra che io amo molto e che Luca invece non ha ancora mai toccato. E abbiamo scelto un’isola, cosa assolutamente nuova per me che di solito mi tengo ben lontana dal caldo e dal mare.

Lo abbiamo fatto perché Lanzarote non è una semplice isola, ma è un mondo a parte, un paradiso per gli occhi e la testa.

Abbiamo bisogno di ritmi più lenti del solito, di spostamenti brevi e di tanta pace. E sono sicura che Lanzarote ci regalerà tutto questo e molto altro ancora.

Sognavo questa isola dalla prima volta in cui ne ho sentito parlare in maniera approfondita, in un post di Farah di Viaggi nel cassetto che la raccontava con le sue splendide foto e la sua innata delicatezza.

Ho continuato a sognarla grazie ai racconti e allo splendido video di Sara e Timur di The Lost Avocado.

E finalmente, tra meno di 10 giorni sarà mia, sarà nostra!

Abbiamo preso una casa a Famara, sulla costa nord ovest dell’isola, a pochi metri dall’oceano. Se chiudo gli occhi sono già lì, respiro, sento il rumore delle onde che si infrangono sugli scogli, l’odore di pesce appena portato a terra e il sole caldo che mi scalda la schiena.

Non vediamo l’ora di raccontarvi tutto: Luca è già pronto con la macchina fotografica e i suoi obiettivi per mostrarvi i colori e la luce di questa splendida isola, fatta di vulcani, di spiaggia bellissime, di vigneti, parchi pieni di cactus, piccoli paesi dalle case bianche e luoghi unici creati dal genio assoluto di César Manrique.

Abbiamo già un’idea di itinerario e la lista delle cose da vedere si allunga ogni giorno di più, tanto che ci vorrebbero due settimane per riuscire a spuntarne tutti i punti.

Nonostante questo, se anche voi avete consigli sui luoghi imperdibili e su locali dove assaggiare piatti tipici e scoprire qualcosa di più sulle tradizioni e la storia di questa meravigliosa isola, scriveteci.

E non dimenticate di seguirci su Facebook e Instagram, dal 1 all’8 giugno, per viaggiare insieme a noi!

 

Foto Pixabay in attesa degli scatti di Luca 🙂

You Might Also Like