Canada

Canada Orientale: cosa vedere in 2 settimane

31 agosto 2016

Dopo avervi indicato l’itinerario completo delle nostre settimane in Canada e avervi svelato le tappe del nostro viaggio nella parte occidentale del Paese, oggi vi parlo della zona est e del percorso che abbiamo seguito per scoprire Québec e Ontario.

12 giorni alla scoperta del Canada Orientale: l’itinerario

  1. Arrivo a Montréal e visita della città;
  2. Montréal – Québec City (arrivo in serata e pernottamento);
  3. Québec City, visita della città;
  4. Québec City – Le Malbaie (giornata spesa lungo la regione di Charlevoix);
  5. Le Malbaie – Saguenay (avvistamento delle balene a Tadoussac e giro sul fiordo);
  6. Saguenay – Trois-Rivières (lungo i parchi nazionali dell’est);
  7. Trois-Rivières – Ottawa (arrivo in tarda mattinata e visita della città);
  8. Ottawa – Kingston (gita in battello alla scoperta dell’arcipelago delle Mille Isole);
  9. Kingston – Toronto (arrivo in mattinata e visita della città);
  10. Toronto, visita della città;
  11. Toronto (escursione alle Cascate del Niagara);
  12. Volo di ritorno (nel nostro caso volo per Calgary e inizio del tour della zona ovest del Canada).

Come nel caso delle regioni di Alberta e British Columbia anche nella parte est del Canada avrete la possibilità di costruire il vostro itinerario di viaggio in base alle vostre personali preferenze: che amiate la natura, l’arte o lo sport, qui troverete tutto quello che fa per voi!

canadaest

Dedicherò articoli specifici alle tappe più significative, intanto di seguito quello che abbiamo fatto, che rifaremmo e quello che invece avremmo potuto, secondo noi, evitare.

Montreal

Il primo approccio con il Canada ha il sapore di costolette alla salsa barbecue, chiese dal gusto gotico incastonate tra i grattacieli, la bellissima Cattedrale di Notre Dame a due passi dal porto e il festival delle arti in preparazione. 

Montreal è una città cosmopolita, è tante realtà in una: è shopping, arte e natura.

montrealchiesa

Noi abbiamo avuto un giorno per viverne il cuore pulsante e moderno e qualche ora per immergersi nelle meraviglie del suo giardino botanico, tra giardini all’italiana e angoli di ispirazione zen che presto vi racconterò.

Québec City

L’angolo di Francia nel cuore del Canada orientale, pieno di strade lastricate, artisti di strada e pittori: passeggiare per Québec City è un po’ come muoversi tra i vicoli di Montmartre. Un sogno!

quebeccity

Lungo il San Lorenzo

Dopo due grandi città, bellissime e completamente diverse tra loro, abbiamo dato il via vero e proprio al nostro on the road lungo il fiume San Lorenzo.

Probabilmente la parte più bella del viaggio, quella che grazie alla macchina presa in affitto riesci ad affrontare con i tuoi tempi, in cui scopri angoli di mondo sconosciuti alle guide e alle mappe più diffuse e quindi più autentici e speciali. 

Piccole baie, spiagge lunghissime (che sembra di essere davanti al mare e non sulla riva di un semplice fiume), fiordi, dondoli, casette di legno colorate, ottimo pesce e tanta accoglienza.

Fiordo

Da Saint Paul a Le Malbaie (dove abbiamo dormito in uno chalet di legno con vista mozzafiato, abbiamo acceso il camino in pieno giugno e ci siamo rilassati nella vasca idromassaggio in camera) a Tadoussac fino a Saguenay è stato un rincorrersi di emozioni e di luoghi belli da lasciarci il cuore tanto che non vedo l’ora di condividerli con voi.

Ottawa

La capitale del Canada, con i suoi palazzi infinitamente alti da una parte e l’elegante Parlamento dall’altra.

Una città rilassata eppure vivissima. Di lei ci resteranno il freddo pungente di inizio estate, la visita gratuita guidata all’interno delle Sale del Parlamento, il belvedere da cui si riesce a scrutare tutta la città, le sue forme e i suoi contrasti. 

Ottawa

Kingston

Questa è forse la tappa che ci ha deluso di più: la cittadina è molto carina, ci sono dei caffè deliziosi in cui regalarsi qualche momento di relax ma poco altro: a dir la verità è conosciuta soprattutto perché punto di partenza della famosa Crociera sulle Mille Isole che noi aspettavamo con trepidazione e che invece non ci ha lasciato quasi nulla. Sarà stato il freddo, il vento o forse il cielo grigio: quel che è certo è che durante questo viaggio abbiamo fatto escursioni molto più interessanti ed emozionanti.

mille isole

Probabilmente tornando indietro ci godremmo lo spettacolo delle Mille Isole dalla torre panoramica nota come Skydeck, per poi proseguire verso i vigneti di Prince Edward Island che a quanto ci hanno detto le guide e i centri turistici locali sono davvero molto belli e romantici e valgono la deviazione durante il percorso che porta fino a Toronto.

Toronto

Eccola, Toronto. La città che sicuramente ci è piaciuta di più durante tutto il nostro viaggio tra Canada orientale e occidentale. Cosmopolita, aperta, divertente, impegnata: Toronto ci ha colpito dritti al cuore con i suoi abitanti provenienti praticamente da tutto il mondo e il suo essere gigantesca eppure godibili, addirittura quasi completamente a piedi.

Toronto al tramonto

Da non perdere la vista sulla città dalla CN Tower (è costosa ma secondo noi ne vale la pena), la passeggiata al tramonto lungo le sponde del lago Ontario da cui potrete osservare lo skyline della città, la zona della vecchia distilleria e il più antico ufficio postale della città in cui abbiamo scritto una lettera con penna e calamaio e l’abbiamo inviata a casa nostra, in Italia, direttamente dal 1800!

Ufficio postale Toronto

Cascate del Niagara

Avevamo visto video e foto in ogni salsa delle Cascate del Niagara e il timore era quello di rimanere poco colpiti. Ma quanto ci sbagliavamo.

Immense, potentissime, magnifiche: ci siamo innamorati così tanto che abbiamo deciso di trascorrere lì tutta una giornata, tra escursioni, foto, momenti di relax sdraiati al sole di giugno e qualche ora di divertimento nel villaggio di Niagara.

cascate

Il nostro giro attraverso le meraviglie del Canada orientale non poteva avere conclusione migliore!

You Might Also Like