Lazio, mytuscia

Serendipity: come da un tweet è nato il mio lavoro per MyTuscia

29 febbraio 2016

Avete presente il termine “Serendipity”? Esatto, proprio quello del film con Kate Beckinsale e John Cusack… ecco io questa parola avrei voglia di tatuarmela sulla pelle da quanto la sento mia.

Sì, perché sono anni ormai che tutte le cose belle mi accadono così, per caso, senza che io le stia realmente cercando, in maniera improvvisa e per questo ancora più sorprendente e speciale.

Mi è capitato con Luca, che in un periodo in cui non volevo saperne nulla di uomini e responsabilità, è saltato fuori dai commenti di Instagram e mi ha cambiato la vita, tanto che a giugno, a distanza di 11 mesi dal nostro primo incontro, ci sposeremo!

Ed è capitato con un progetto che da subito ho amato: quello di MyTuscia, il nuovo portale di promozione turistica della Tuscia per il quale attualmente sono Social Media Manager e Content Editor (il che, detto in parole povere, vuol dire che scrivo i testi per il sito, il blog e i social).

logo mytuscia

Lo scorso anno, più o meno di questi tempi, pubblicavo un post su queste pagine per parlare della mia terra, la Tuscia, troppo spesso sottovalutata e oscurata dalla grandezza della vicina Roma, ma meritevole di attenzione per la quantità di bellezze storiche, archeologiche, artistiche e naturali che custodisce. 

Per farlo sceglievo l’hashtag #mytuscia, semplice e diretto che avevo scoperto essere ancora poco usato sui social.

E invece proprio dai social e in particolare da twitter è arrivata la risposta immediata di Andrea Saccà che al progetto MyTuscia stava pensando e lavorando già da tempo.

Lago di Vico (Ph: Erika Francola)

Lago di Vico (Ph: Erika Francola)

Uniti dall’amore per la nostra terra (i nostri paesi di origine sono a sette chilometri di distanza l’uno dall’altro) e dalla voglia di comunicare tutto quello che nella Tuscia c’è da vedere, da fare e da provare, abbiamo avviato subito una collaborazione.

È stato ed è davvero bello lavorare alla nascita di un progetto tanto entusiasmante e vincente; la redazione dei piani editoriali, la lavorazione grafica da parte del team di 1604 Lab, lo studio attento del territorio e delle sue potenzialità, la scoperta di tanti angoli che neanche io che vivo qui da quasi 30 anni conoscevo, i tour nel weekend a caccia di foto ed eventi da non perdere.

San Pellegrino, Viterbo (Ph: Andrea Saccà)

San Pellegrino, Viterbo (Ph: Andrea Saccà)

In pochi mesi abbiamo visto crescere sotto le nostre mani un portale completo, dettagliato, vivo. E i risultati non hanno tardato ad arrivare: da una parte le migliaia di persone che ci seguono su FacebookTwitter e Instagram e condividono con noi foto, ricordi, emozioni legate alla nostra terra, dall’altra le aziende, le strutture ricettive e i produttori locali che ci contattano per essere presenti nelle sezioni a loro dedicate.

Non smetterò mai di ripeterlo: quando un progetto si porta avanti con passione lavorare diventa un piacere  e io sono davvero contenta di farlo per MyTuscia.

Tuscia naturale (Ph: Luca Storri)

Tuscia naturale (Ph: Luca Storri)

Perché la provincia di Viterbo racchiude in sé tutto quello che un territorio può offrire, dalla montagna al mare, dai laghi alle acque termali, dalle necropoli etrusche ai musei delle tradizioni locali, dalle sagre tipiche agli eventi culturali: nella Tuscia avrete solo l’imbarazzo della scelta! 

Se volete seguire il progetto MyTuscia e conoscere meglio questa zona dell’Alto Lazio non vi resta che seguirci sul sito, sul blog e sui social.

E se vivete in un paese della Tuscia o lo avete visitato durante un viaggio e volete condividere con noi i vostri scatti, le vostre emozioni e i vostri ricordi ricordatevi di usare l’hashtag #MyTuscia! Vi aspettiamo 🙂

 

 

 

You Might Also Like

4 Comments

  • Reply Fabrizio Gabrielli 11 marzo 2016 at 22:32

    Ciao Erika,
    in effetti ci sono paesaggi ed atmosfere della Tuscia che sono sconvolgentemente belli e sottovalutati. Noi conosciamo benissimo la Tuscia, io in particolare, ho parenti che vi abitano e mi capita di venirci sia per passione che per diletto. Alla fine davvero siamo molto vicini noi dalla Toscana del Sud, ma la Tuscia mi sorprende sempre. Se posso fare una critica però avete le sovrintendenze dei beni culturali che non viaggiano a mille. Ad es. a Tuscania San Pietro hanno risolto? L’ultima volta che ci son passato era tutto sbarrato, non un avviso, nulla…

    • Reply Erika Francola 16 marzo 2016 at 15:06

      Ciao Fabrizio, finalmente leggo e posso rispondere al tuo messaggio.
      Sono d’accordo con te, ci sono molti luoghi abbandonati e non minimamente valorizzati… e pensare che potrebbero essere una grande spinta per il nostro territorio che vive un momento economico non facile dopo la crisi del distretto industriale e ceramico.
      Sinceramente sulla situazione di San Pietro non sono aggiornata, ma voglio informarmi e darvi notizie.
      Speriamo che qualcosa cambi presto e che finalmente possiamo tutti godere dei tesori infiniti del nostro Paese!
      Un caro saluto e spero di sentirvi presto.
      Erika

  • Reply https://narrabondo.wordpress.com 10 aprile 2016 at 0:58

    Che bello!!!!
    Auguri a te e al tuo futuro sposo!!

  • Leave a Reply

    Su questo sito utilizziamo i cookies tecnici di Analitycs. Cliccando sul pulsante Accetto permetterai il loro utilizzo. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi