Toscana

Cosa vedere a Piombino: una terrazza sull’isola d’Elba

13 ottobre 2014

A Piombino sono arrivata a sorpresa, grazie a tre amiche che il giorno del mio ventisettesimo compleanno mi hanno” rapita” e portata due giorni in Toscana.

A dir la verità non conoscevo affatto la Val Cornia e devo dire che mi ha piacevolmente stupito, complice anche il caldo e il sole di un perfetto weekend di metà ottobre.

Piombino è una cittadina molto raccolta, da visitare a piedi, con tutta calma. E’ semplice trovare parcheggio in centro, a pagamento (esclusi festivi), in zone con disco orario oppure poco più fuori, su strisce bianche.

Da qui in pochi minuti di cammino si giunge in pieno centro, su Corso Italia, dove domenica mattina ci ha accolto un delizioso mercatino con oggetti di antiquariato, libri, vecchi dischi e una serie di vecchie cartoline dalle quali non mi sarei più staccata.

Mercatino in Corso Italia

Mercatino in Corso Italia

La passeggiata è piacevole e ci porta fino al Torrione Rivellino, l’unica architettura rimasta del periodo medievale, in cui Piombino era città libera e autonoma.

Il Torrione

Il Torrione

Alla Torre venne aggiunto nel 1400, il Rivellino, una fortificazione semicircolare che un tempo ci dicono fosse circondata da un fossato con tanto di ponte levatoio.

Il tempo di qualche foto e proseguiamo la nostra passeggiata all’interno della cittadella antica, su Corso Vittorio Emanuele che si conclude con il Palazzo Comunale in stile gotico, risalente alla metà del 1400 e la La Torre civica, edificata invece alla fine del secolo successivo.

Palazzo Comunale e Torre civica

Palazzo Comunale e Torre civica

Da qui si inizia a scorgere il mare, ma il vero spettacolo arriva subito dopo, quando, davanti ai nostri occhi si apre lo spettaolo di Piazza Bovio, la più grande piazza d’Europa ad affacciasi sul mare.

Uno spettacolo favoloso e uno scenario davvero romantico!

Tutt’intorno alla piazza ci sono delle panchine in marmo. Ci fermiamo su una di queste a guardare ma sopratutto a respirare il mare. E’ una sensazione bellissima. Una di quelle con cui mi vorrei svegliare ogni giorno, per quanto ti rimettono al mondo.

1959539_10202555790327621_3008647742751209703_nAlla fine della piazza sorge il faro della Rocchetta, unico resto della Rocchetta, bastione difensivo demolito all’inizio del secolo scorso per fare spazio a questa piazza meravigliosa che si apre proprio davanti all’Isola d’Elba e alle altre isole dell’arcipelago Toscano.

In cielo c’è un po’ di foschia ed è un vero peccato perché persone del luogo ci dicono che nelle giornate limpide da qui si riesce a scorgere addirittura la Corsica!

10734130_10202555792367672_7552515045572205521_n

Poco oltre il Porticciolo di Marina di Piombino che accoglie i pescatori di ritorno dal mare e dove è possibile vedere la splendida Fonte delle Serpi in Amore, una fontana a cinque bocche, di cui una andata perduta, attribuite ad un giovanissimo Nicola Pisano. Quelle che si possono vedere sono solo delle copie delle bocche autentiche che sono state restaurate e che ora sono visibili all’interno del Museo di Cittadella.

Da non perdere anche il Castello di Piombino costruito tra il 1200 e il 1300 e la Fortezza circostante, aggiunta dalla famiglia Medici due secoli dopo. Nel corso degli anni il Castello ha subito sostanziali cambiamenti e dopo l’Unità d’Italia è stato convertito in carcere. Oggi è visitabile insieme alla Fortezza e al Museo interno.

Cosa vedere a Piombino: le spiagge più belle

Ma Piombino è anche e sopratutto mare. Essendo ottobre non ho potuto vivere pienamente l’esperienza balneare ma ho comunque voluto vedere più da vicino queste spiagge tanto famose e belle.

Costa degli Etruschi

Costa degli Etruschi

Piombino si trova su un promontorio tra il mare e i parchi naturali della Val di Cornia, su quella che è nota come Costa degli Etruschi (Populonia è un esempio dei loro insediamenti) ed offre degli angoli di mare davvero suggestivi.

Dalla piccola spiaggia di sabbia di Salivoli, che ospita anche un porto turistico, alla Spiaggia Lunga di ciottoli bianchi, da Calamoresca e i suoi sentieri al Golfo di Baratti, poco più a nord, c’è davvero l’imbarazzo della scelta.

Tramonto sul mare a Piombino

Tramonto sul mare a Piombino

E credo proprio che la prossima estate non mi farò sfuggire l’occasione di conoscere meglio questa zona e godere di queste acque e spiagge bellissime!

 

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply Serena @ BlackCatSouvenirs 14 ottobre 2014 at 12:08

    Che bella!
    Ho un’amica che è di Piombino, e dice sempre che nella sua città non c’è niente di interessante… beh, adesso potrò dirle che non è vero 🙂

    • Reply Viaggi del taccuino | Erikamelie 14 ottobre 2014 at 15:40

      Anche una mia amica lo diceva, ma complice la sorpresa, la compagnia e questo tiepido ottobre, è stata davvero una bella scoperta. E poi solo quella terrazza sul mare vale una sosta 🙂

    Leave a Reply

    Su questo sito utilizziamo i cookies tecnici di Analitycs. Cliccando sul pulsante Accetto permetterai il loro utilizzo. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi